2018

Gli eventi in calendario

Festival Trad-In

GRAN BAL DUB

Sergio Berardo (voce e ghironda), Roberto Avena (fisarmonica),

Chiara Cesano (violino), Madaski (electronic devices, voce)

La musica occitana incontra l'elettronica in Gran Bal Dub, progetto che nasce da un'idea di Sergio Berardo, storico agit prop della musica occitana con i Lou Dalfin e innumerevoli altre formazioni, e Madaski, co-fondatore degli Africa Unite e uno dei più grandi esponenti della musica elettronica nella sua versione dub.

La danza è il punto focale dell’ispirazione e le varie forme vengono sezionate e ricomposte attraverso la tecnica del dub ma nell'assoluto rispetto delle strutture e stilemi dei balli tradizionali.

Gli storici suonatori ambulanti di ghironda, della cui opera Berardo è la naturale prosecuzione nel presente, partendo dalle Valle Occitane percorsero le strade d'Europa fino alla metà del secolo scorso e portarono sulle piazze dei paesi più lontani i loro suoni a bordone. Dalla loro vicenda musicale emerge un'idea identitaria della cultura d'Oc come strumento di comunicazione e scambio. Musica da contrabbandieri di suoni. E sulla loro scia la ghironda di oggi trova naturale interloquire con le sonorità di una realtà, quella elettronica, solo apparentemente lontana dalle atmosfere folk delle Alpi occidentali.

La musica popolare ha la forza di mettere in contatto forme espressive geograficamente distanti ma nella sostanza simili come spirito e ragione di essere. La viola & c. si appoggiano al dub e quest'ultimo piega la propria messa a punto sulle necessità coreutiche occitane. Una forma di scambio e interazione che rappresenta una delle caratteristiche storiche di tutte le musiche popolari: l'attuale che arricchisce l'antico e trova nella memoria nuove ragioni di esistere.

Pianura

PIANURA SALUZZESE

Scarnafigi, Verzuolo

*I concerti e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

Sabato 7 luglio 2018 – ore 21.30

Scarnafigi - Castello

LOU PITAKASS in concerto

Domenica 8 luglio 2018 – ore 21.30

Verzuolo – Palazzo Drago

SAN SALVADOR

Sabato 7 luglio 2018 – ore 21.30

Scarnafigi

Concerto per ascoltare e danzare

LOU PITAKASS

LOU PITAKASS – Sono nati da un’idea di Sergio Berardo, cantante e leader dei Lou Dalfin, per riunire ragazzi provenienti da luoghi ed esperienze diverse, ma con la stessa passione per la musica occitana. Sono ragazzi tra i 13 ed i 16 anni, che nella primavera del 2012 hanno deciso di condividere la vocazione per la musica ed i balli occitani, coinvolgendo il pubblico con ritmi grintosi e divertenti. Dopo quasi cinque anni, hanno all’attivo già un centinaio di concerti. Il gruppo è formato da Gabriele Arnaudo (organetto), Davide Bagnis (batteria), Gioele Bernardi (ghironda e cornamusa), Luca Declementi (organetto, voce, fifre e cornamusa) e Loris Giraudo (organetto e ghironda).


domenica 8 luglio 2018 – ore 21.30

Verzuolo - Palazzo Drago

SAN SALVADOR

Sei voci, due tom, dodici mani ed un tamburino. Gruppo integralmente vocale, San Salvador ha intrapreso da molti anni un lavoro di ricerca artistica intorno alla polifonia, interessandosi ad una forma di rinnovamento poetico delle musiche tradizionali.

La ricerca di un folklore immaginario porta verso una musica vocale molto acustica e un nuovo equilibrio dei timbri. Essenzialmente cantate in occitano, le composizioni mescolano i motivi della lingua a un lavoro armonico dove colori, immagini e sonorità si confondono.

*I concerti e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

Ufficio Turistico IAT Saluzzo 0175 46710 - info@saluzzoturistica.it

Comune di Verzuolo - Piazza Martiri della Libertà, 1 - Tel. 0175 255111 - Fax 0175 255119

Comune di Scarnafigi – Corso Carlo Alberto - Tel. 0175 274032

Lunedì 9 luglio 2018 – ore 21.30

Cortile ex Caserma Musso - Saluzzo

FRANCESCO DE GREGORI in concerto

Lunedì 9 luglio 2018 – ore 21.30

Cortile ex Caserma Musso - Saluzzo

FRANCESCO DE GREGORI in concerto

VALLE VARAITA

Brossasco, Costigliole, Chianale

*I concerti e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

Giovedì 12 luglio 2018 – ore 21.30

Brossasco - Segnavia

Proiezione cinematografica in collaborazione con

CINECAMPER – NUOVI MONDI FESTIVAL

THE WHITE MAZE

52’, Austria, 2016, Regia di Matthias Mayr

Al termine di un intero anno trascorso ad organizzare, programmare e immaginare possibili scenari avventurosi, Matthias Hauni Haunholder e Matthias Mayr decidono di partire per la loro missione impossibile: essere i primi a sciare sul Monte Pobeda, la cima più alta della Siberia orientale

Venerdì 13 luglio 2018 – ore 21.30

Costigliole Saluzzo – Palazzo Comunale

Musica & Parole, recital di e con

Cristiano Godano

A cura di Festival Borgate dal Vivo

Un evento straordinario, per ripercorrere, tra musica, canzoni, suoni e parole, la carriera di un vero rocker italiano che, con la sua band, ha collaborato con i più grandi artisti del mondo della musica. Cristiano Godano è un artista nato a Fossano il 21 novembre 1966.

Alla fine degli anni ‘80, insieme a Luca Bergia e Riccardo Tesio fonda i Marlene Kuntz: lo stile della band, vicino alle sonorità noise rock ma con una forte connotazione cantautorale, influenzerà in modo decisivo tutte le produzioni indipendenti italiane degli anni ‘90.

Tra i maggiori successi del gruppo, gli album Catartica (1994), Il Vile (1997), Ho ucciso Paranoia (1999), Che cosa vedi (2000 - che contiene La Canzone che scrivo per te, scritta e interpretata con Skin degli Skunk Anansie). Godano, però, non si limita alla musica. Nel gennaio 2008 pubblica per Rizzoli il suo primo libro, una raccolta di racconti intitolata I vivi; dal 2008 è uno dei docenti del Master in Comunicazione musicale dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano; nel 2009 debutta come attore nel film di Davide Ferrario Tutta colpa di Giuda, di cui è anche autore, con i Marlene Kuntz, della colonna sonora, candidata al David di Donatello 2010. Nel 2010 riceve la Targa Graffio - Musica da Bere, che ritira nell'ambito dell'omonima manifestazione a Vobarno. Dal 2012 gestisce un suo blog personale sul portale web de “Il Fatto Quotidiano”.

Nel 2017, i Marlene Kuntz hanno terminato il tour per celebrare il ventennale de IL VILE: nessuna motivazione nostalgica all’origine, ma la consapevolezza e lo stimolo gioioso di poter portare in giro per l’Italia un pezzo importante di storia del rock italiano degli anni Novanta rispettato dal pubblico più intransigente, amato da molti che a quel periodo guardano ancora con ammirazione e vagheggiato dai più giovani che non lo hanno vissuto in diretta.

Sabato 14 luglio 2018 - Costigliole Saluzzo

Ore 16,30 incontro in collaborazione con LA FABBRICA DEI SUONI presso la Sala Polivalente

STRUMENTI MUSICALI E DANZE DELLA TRADIZIONE OCCITANA

Incontro musicale con Luca Pellegrino

Ore 18,00 passeggiata per il borgo medievale

costo € 5 a persona (bimbi gratis sotto i 12 anni) prenotazione entro sabato mattina

Possibilità di apericena/cena presso i locali del paese.

Ore 21.30

Costigliole Saluzzo – Palazzo Comunale

MAURESCA + TRIP

Mauresca - Gli artigiani del dub si sono riuniti per un viaggio immobile, liberi da codici e mode, dallo spazio e dal tempo: sulla strada verso un sesto album. Un’unione di cooperatori per un’avventura musicale alternativa e indipendente. Miscelatori di generazioni, agitatori di lingue, contrabbandieri di culture popolari: la loro lingua d’Oc parla al mondo intero e fa muovere i confini.

Quasi vent’anni di storia alle spalle, sono ben radicati, ma già altrove. Sempre fedeli alla linea, onesti, non barano e mandano il loro suono senza etichette. Con le valigie piene di rime, macchine e microfoni, sbarcano con dei rimedi contro il sonno della ragione, perché con loro, in ogni circostanza, “la musica es una medecina”.

TRIP (Trad’in progress) è un progetto artistico franco-italiano coordinato dall'associazione Kaya d'Embrun. Un ensemble musicale che propone l'incontro delle musiche contemporanee (pop, rock, fusion, elettronica) con le musiche tradizionali delle Alpi, per portare queste sonorità al di fuori dei territori in cui sono nate.

domenica 15 luglio 2018

Mattina passeggiata da Pontechianale a Chianale lungo il sentiero Crotto

incontro alle h. 9,30 presso l’ufficio Turistico di Pontechianale, costo 5 € a persona (bimbi gratis sotto i 12 anni), servizio navetta per il rientro a Pontechianale nel pomeriggio 2 € a persona, prenotazioni entro sabato mattina; l’escursione si effettuerà

al raggiungimento di minimo 10 partecipanti.

In occasione del concerto che si terrà a Chianale i locali del paese dedicheranno un menù a tema, prenotazioni e costi presso i singoli locali

Ore 11.30

Chianale – Chiesa di San Lorenzo

Confluençia

Esprit Libre

produzione Occit’amo Festival 2018

Géraldine Lopez (voce, percussioni), Fanny Turcan (galoubets, tambourin, fifres), Cecilia Turcan (voce, fifres, percussioni), Amandine Dulieux (organetto diatonico), Chiara Cesano (violino).

Esprit libre (dall’occitano “Spirito libero”) è un collettivo italo-francese di musica popolare che nasce nel 2018 dall’unione di cinque musiciste provenienti rispettivamente da Marsiglia, Gap, Brignoles, Nizza e Cuneo. L’incrocio delle diverse tradizioni, culture e stili che ciascuna musicista apporta alla formazione, crea una sonorità ricca di sfumature e particolarità timbriche tipica della musica popolare di queste regioni. Il repertorio tradizionale delfinato-provenzale è accompagnato da strumenti musicali tipici delle singole zone di provenienza quali: fifres, galoubet, tambourin, violino, organetto diatonico e percussioni.

Ore 15,00

laboratorio per bambini a cura degli operatori musicali de

LA FABBRICA DEI SUONI

“5 cerchi, tante note” MUSICA E CULTURA DEI 5 CONTINENTI

Suoni, ritmi e danze dai cinque continenti per conoscere e sperimentare le usanze di altri popoli. Il laboratorio punta sul valore educativo dello spirito olimpico e sul rispetto universale dei principi etici fondamentali.

Ore 16,30

merenda per i bambini offerta dalla Proloco

*I concerti, i laboratori e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

Ufficio Turistico Piazza Marconi, 4 - 12020 FRASSINO
Tel. 0175 970640 - Fax 0175 970650
info@vallevaraita.cn.it
www.vallidelmonviso.it

VALLE STURA

Pietraporzio, Moiola

*I concerti e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

Mercoledì 18 luglio 2018 - Gaiola

Stage di GHIRONDA

A cura di Sergio Berardo

Si terrà nei giorni precedenti al weekend - Info Associazione LOU DALFIN - www.loudalfin.it

Venerdì 20 luglio 2018 – ore 21.30

Moiola - piazza 4 Novembre

Proiezione cinematografica in collaborazione con CINECAMPER – NUOVI MONDI FESTIVAL

LA TERRA BUONA

Regia di Emanuele Caruso - Italia, 2018, durata 100 minuti.

Ispirato a una storia vera, La terra buona racconta di un medico, Giuseppe Mastrangelo, perseguitato per aver tentato una via alternativa per la cura del cancro. Costretto a nascondersi, si ritira con il suo assistente Rubio nella Val Grande, una zona solitaria e selvaggia, dove prova uno stile di vita naturale totalmente diverso da quello cittadino

Sabato 21 luglio 2018

Pietraporzio

ore 18:00 Inaugurazione MIT - tutto il mondo di Guareschi

ore 19:30 CENA TEATRALE con Assemblea Teatro

AFRODITA e le RICETTE IMMORALI

con Gisella Bein e Luca Zanetti, regia di Renzo Sicco/ con un buffet montano a cura dio Aire

per prenotazioni: Valle Stura Experience 339/5942570

“Afrodita” di Isabelle Allende e “Le ricette immorali” di Manuel Vazquez Montalban

sono pubblicati da Feltrinelli Editore

ore 21.30 - Chiesa

DUO LACOUCHIE-RIVAUD in concerto

È la storia di un incontro musicale e di amicizia nel paese delle mele e delle Limousine! Alexandra e Anne propongono un ballo intorno al repertorio tradizionale della loro regione, il Limousin, con una grande diversità di timbri e di danze. Dalle bourrées alle polke, dai saltarelli ai valzer, vi invitano a condividere queste musiche e queste danze grazie alla complicità e all'energia del loro duo.

Domenica 22 luglio 2018 – ore 15.00

Colle del Bal (Moiola)

LA MESQUIA

cantautori della musica tradizionale occitana

“Una formazione che si muove come un orologino svizzero, ma riesce a suscitare nell’ascoltatore intense emozioni e pur mantenendo una radicata identificazione nella cultura tradizionale, non rinuncia ad una forte innovazione musicale” così è stata descritta La Mesquia alla vittoria del concorso Suonare@Folkest2015.

La storia di questo gruppo comincia nel 2011 e passa attraverso lavori discografici e concerti a festival, rassegne, teatri, balli folk e feste popolari.

Il gruppo, con la sua personale caratteristica interpretativa, cerca di essere coerente alla tradizione, non solo mantenendo la lingua e le peculiarità musicali, ma anche attraverso l’utilizzo di strumenti tipici. I membri de La Mesquia vantano studi ed esperienze che danno loro la possibilità di realizzare pienamente questo progetto, infatti grazie all’insieme delle loro competenze si crea la capacità musicale, letteraria e culturale necessaria.

*I concerti e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

Ufficio Turistico di Borgo San Dalmazzo* (IAT)

Via Vittorio Veneto, 19 - BORGO SAN DALMAZZO

Tel. +39.0171.266080

E-mail: iatborgo@cuneoholiday.com

Orari di apertura:

mer-gio-ven 08:30-12:30 e 14:30-17:30

sab-dom 09:30-12:30

lun-mar, festività: chiuso

LAGNASCO

Richard Galliano in EXILS

Dalle ore 19.00 il Food e le Birre targate TERRE DEL MONVISO

Virtuoso della fisarmonica e del bandoneon, il compositore Richard Galliano spazia in tutti i campi musicali, dalla classica al jazz.

Dall’età di quattro anni, studia pianoforte e fisarmonica dal padre Lucien Galliano, anch’egli fisarmonicista e maestro. Al Conservatorio di Nizza, diretto dal famoso Pierre Cochereau, viene accolto con entusiasmo. Studia armonia, contrappunto e trombone (Primo Premio nel 1969). Nel 1975, durante il suo trasferimento a Parigi, incontra Claude Nougaro. Richard Galliano è stato direttore di fisarmonica ed orchestra fino al 1983. Compone le musiche di tutti i Brouillards, des Voiliers, Vie Violenza. Nel 1980 incontra Astor Piazzolla, che gli consiglia di creare lo stile francese “New Musette”, così come lo stesso Piazzolla ha creato lo stile “New Tango” argentino.

Richard Galliano ha registrato più di cinquanta album a suo nome e ha lavorato con numerosi artisti di fama. Dal mondo del jazz: Chet Baker, Eddy Louis, Ron Carter, Wynton Marsalis, Charlie Haden, Gary Burton. Dal genere francese: Serge Reggiani, Claude Nougaro, Barbara, Allain Leprest, Charles Aznavour, Serge Gainsbourg. Cross-Over: Nigel Kennedy – il suo progetto “Bach” con la Deutsche Grammophon ha battuto tutte le altre vendite tradizionali con oltre 50.000 unità vendute nel 2010.

In occasione del Festival Occit’amo che farà tappa al Castello di Lagnasco il 26 Luglio con il concerto di Galliano il Castello sarà aperto dalle ore 15. Oltre al normale percorso musealesarà possibile sperimentare la nuova modalità di visita gioco ‘La dama velata’. Un’escape room in cui il visitatore avrà 60 minuti di tempo per risolvere il mistero del Castello.

Per info e prenotazioni visitare il sito http://www.castleangels.it/web/

Ingresso unico € 10

Prevendite circuito TicketOne

Ingresso gratuito per

Portatori di handicap con accompagnatore al seguito pagante

Bambini sino a 10 anni

Vendita diretta presso gli uffici della Fondazione Amleto Bertoni

ATL Cuneo e IAT della Città di Saluzzo e Filatoio di Caraglio

Info www.occitamofestival.it

Facebook @occitamo

Richard Galliano in EXILS

* saranno organizzate visite al Castello

INFERNOTTO/VALLE PO-BRONDA

Valle Po-Bronda, Infernotto

Ostana, Barge, Sanfront

*I concerti e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

Dopo la tappa di Ostana una curiosa novità per l’edizione 2018: il Monte Bracco protagonista inedito di un weekend tutto all’insegna del paesaggio, dell’outdoor e dei sapori. La Certosa della Trappa, con la sua storia secolare, accoglierà sabato un mercatino di produttori locali dell’Atlante dei Sapori; presso la locanda la possibilità di scoprire la cucina occitana con un pranzo speciale, in serata concerto dal vivo. La perla del Monte Bracco: Balma Boves, e le sue antiche pietre, saranno invece il luogo dove rifugiarsi la domenica pomeriggio per ascoltare parole e musica in uno scenario unico.

Per chi lo vorrà, un’esperienza completa fatta di outdoor e scoperta, una passeggiata organizzata di due giorni: Balma Boves – Trappa andata e ritorno, accompagnati dalle guide di Vesulus, alla scoperta dei segreti del Monte Bracco, partecipando a tutti gli eventi in programma. Insomma, chi verrà a scoprire il territorio delle Terre del Monviso non potrà che restarne incantato!

venerdì 27 luglio 2018

Ostana – Rifugio Galaberna

ore 16:30 Laboratorio

a cura degli operatori musicali de LA FABBRICA DEI SUONI

“5 cerchi, tante note” MUSICA E CULTURA DEI 5 CONTINENTI

Suoni, ritmi e danze dai cinque continenti per conoscere e sperimentare le usanze di altri popoli. Il laboratorio punta sul valore educativo dello spirito olimpico e sul rispetto universale dei principi etici fondamentali.

Ore 21.30 – Piazza Caduti della Libertà

LHI DESTARTAVELÀ

Si chiamano Lhi Destartavelà, gli “scavezza collo”. Amano farsi trasportare dalla musica e non pensare ad altro!

Lhi Destartavelà sono nati "ufficialmente" nel luglio 2008. Si sono conosciuti frequentando le lezioni ed i saggi organizzati da Sergio Berardo, Simonetta Baudino e Simone Lombardo. In comune hanno la voglia e il piacere di suonare la musica tradizionale occitana.

Suonano musica tradizionale occitana con qualche inserzione personale (alcuni pezzi sono di loro composizione) e usano gli strumenti della tradizione - organetto diatonico, ghironda, flauti, galobet, piva, cornamusa - miscelati con strumenti "moderni" come il basso elettrico e il cajon.

sabato 28 luglio 2018 – dalle ore 10.00

Locanda della Trappa – Via Monte Bracco, 63 - Barge

Una giornata all’insegna della storia, del gusto e della musica, visitando l’antica Certosa del Monte Bracco. Nella piazza un mercatino di prodotti eno-gastronomici e di artigianato locale, con i sapori dell’Atlante del Monviso. Nella Locanda della Trappa un pranzo a tema in puro stile occitano. In serata concerto di musica dal vivo. Una giornata all’insegna di MOVE!

Il programma della giornata:

Ore 10.00 - ‘’IN PIAZZA’’

• Apertura area espositiva dei produttori dell’Atlante dei sapori nella piazza e sulla terrazza (per l’intera giornata)

• Accensione del forno del 1300 all’interno del complesso della Certosa e preparazione di pane e focacce

• Incontro alla scoperta della storia e dei segreti della Certosa e del Monte Bracco

Ore 12.30 - ‘’A TAVOLA!’’

• Pranzo in stile occitano, menù dedicato ai prodotti dell’atlante

dei sapori

Ore 17.00

Reading letterario con

Saverio Tommasi

A cura di Festival Borgate dal Vivo

Saverio Tommasi presenta il suo nuovo libro, Siate ribelli, praticate gentilezza. «Un pilota perde un secondo a giro a ogni figlio che gli nasce», diceva Enzo Ferrari. È una frase bellissima. Significa capire che c'è qualcosa di più importante fuori da sé e che, quando ti nasce un figlio, il successo non si misura più con i traguardi con cui l'hai misurato fino a quel momento. I figli sono l'occasione che ti regala la vita di guardarti allo specchio. Tutto quello che sei, quello in cui credi, quello per cui lotti non sono più solo il tuo modo di stare al mondo, ma si caricano di una nuova responsabilità. Da quando sono arrivate Caterina e Margherita (quattro anni e due scarsi), per Saverio raccontare storie con immagini e parole non è più solo un modo per fare il proprio lavoro. È gettare sul mondo uno sguardo che sarà, almeno inizialmente, anche il loro, è fare scelte di cui a loro più che a chiunque altro dovrà rendere conto. In una lettera alle sue figlie, tra pappe dai colori indecenti e cambi di pannolini in alta quota, terribili gaffe e momenti di grande tenerezza, Saverio affronta i temi che più gli stanno a cuore: la tolleranza, i diritti dei più deboli, la lotta per l'uguaglianza, la denuncia di qualunque forma di razzismo e fascismo, i pericoli della rete. Con grande spontaneità, toni appassionati e talvolta irriverenti, Saverio Tommasi ci regala il gesto d'amore più grande che un uomo possa fare per i propri figli: raccontarsi davvero, a costo di abbassare qualunque difesa.

Ore 18.00

GRUPPO SPONTANEO TRALLALERO

in concerto

Il “Trallalero” è una particolare arte polivocale tipicamente genovese, uno stile di canto assai complesso che offre un insieme ritmico ed armonico di grandissima suggestione. Nasce nel capoluogo ligure, arte popolare conosciuta come “Il Suono di Genova”. Per la prima volta in Piemonte, all’interno del Festival, questo straordinario scrigno di memoria ligure.

Il “Trallalero” è uno stile di canto assai complesso che implica una forte disciplina nel coordinamento delle voci, ciascuna delle quali ha un timbro ed un ruolo ben preciso: un tenore (primmö), un falsetto (cöntraetö), un baritono (cöntröbassö), una voce ritmica (chitara) ed i bassi (basci). Trova la sua originalità nella fioritura e nell’abbellimento delle melodie, nei contrappunti e nell’imitazione strumentale offerta da una parte delle voci. Ne deriva così un insieme ritmico ed armonico inimitabile e di grandissima suggestione.

Il gruppo: I trentadue anni di attività del GRUPPO SPONTANEO TRALLALERO sono stati ricchi di soddisfazioni, riconoscimenti prestigiosi, tournée in gran parte d’Europa, ma anche un percorso di studio e di ricerca continui, uniti all’impegno di cantare al meglio e di far conoscere questo inimitabile stile vocale ad un pubblico più vasto. Grazie a gruppi come il GST un importante patrimonio della cultura musicale italiana continua dunque a vivere e prosperare.

Per info e prenotazioni –

Locanda della Trappa

345/7853894 – 339/377 7243

www.locandadellatrappa.com

Segue Cena

Domenica 29 luglio 2018 – ore 17.00

Sanfront – Balma Boves

TRÈS DE GARONA - Francia

Immaginate la fisarmonica, il violino, la boha, i clarinetti e gli oboi tradizionali di Guascogna che si fondono con il canto. Immaginate tre tra i più importanti musicisti tradizionali del sud ovest francese. Portatelo alle pendici del Monviso, anzi, in una borgata che è forse una delle finestre più belle sul Re di Pietra. Eccovi Très de Garona, trio che composto da Robert Matta, Didier Oliver e Emmanuel Pariselle, è ospite di Occit’amo Festival 2018.

OSTANA

segreteria@unionemonviso.it Tel. 0175 94273 - info@rifugiogalaberna.com

LA TRAPPA - Locanda, cell. 339 377 7243

BALMA BOVES - vesulus@gmail.com

Tel. 346 690 8618 – 349 843 9091

www.accompagnatorimonviso.it

*I concerti e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

 VALLE MAIRA

San Damiano Macra, Marmora

*I concerti e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

Il Festival OccitAmo inaugura l’edizione 2018 di Pensieri di pietra, evento dedicato alla Scultura e alle Arti Plastiche in forma di Simposio Artistico all’aperto, che culminerà con la presentazione al pubblico delle opere plastiche realizzate dagli artisti ospiti del simposio. Le sculture, in parte elaborate anche con le pietre dell’antica cava di “belgard-monte Birrone” ed in parte scelte dal repertorio della recente attività artistica degli scultori partecipanti, saranno esposte lungo le vie del capoluogo. L’evento, che si integra a pieno titolo nel Festival Occit’Amo ispirandosi alla vicenda storica e artistica dei fratelli Stefano, Costanzo e Maurizio Zabreri, maestri scalpellini del XV Secolo originari del vallone di Pagliero, intende rigenerare l’attenzione verso l’arte della scultura lapidea antica e contemporanea.

Occit’amo non poteva che partire da qui per poi muoversi verso l’alta Valle, località, Marmora.

Venerdì 3 agosto 2018

San Damiano Macra

Ore 9.30 Pensieri di Pietra - Simposio di scultura. 15 artisti al lavoro

Ore 15.00 Stage di Cornamusa - Bodega

A cura di Sophie Jacques de Dixmude

Info Associazione LOU DALFIN - www.loudalfin.it

Ore 20.45 Pensieri di Pietra - Epilogus e Praefatio, le opere pensate

Incontro con S. Garnero, E. Perotto, F. Ferzini e artisti Simposio. Proiezione trailer edizione 2017

Sabato 4 agosto 2018

San Damiano Macra

Ore 10.00 Pensieri di Pietra - Simposio e mostra di scultura. 15 artisti al lavoro

Ore 16.00 Pensieri di Pietra - La pietra dal pensiero all'atto. Convegno con Dino Oggero, Marco Piccat, Roberto Olivero e Ivana Mulatero

Dino Oggero: Gli Zabreri di Pagliero tra storia e leggenda

Marco Piccat: La simbologia esemplare e i tempi lunghi della scultura tardo romanico e gotica in Val Maira

Roberto Olivero: Architettura e impiego della pietra in Val Maira

Ivana Mulatero Dai portali dipinti alle pietre evocate. Omaggio agli Zabreri dal Museo Luigi Mallé

Pensieri di Pietra prosegue anche nella giornata di domenica 5 agosto www.zabreri.weebly.com

Ore 19.30 Polenta in piazza

Ore 21.30

BANDABRISCA + Bal Bodega in concerto

La riscoperta, in Italia, della musica e delle danze di tradizione popolare ci fa riflettere sulla distanza che esiste tra la musica commerciale, distribuita e pompata attraverso le radio e la TV, e la musica che ancora si può sentire in quei territori, come le isole, dove la tradizione ha resistito, protetta da barriere naturali che ne hanno consentito l'isolamento.

Tramandata per lo più in modo orale, la musica popolare è sopravvissuta e ha permesso ai ricercatori di riscoprirla e riproporla, creando un nuovo interesse che spinge molte persone a cimentarsi in danze e melodie che hanno i colori delle stagioni ed il ritmo del lavoro nei campi. Le feste con musica e danze di antico sapore sono il pretesto per un nuovo modo di ritrovarsi, fare amicizia e solidarizzare.

Rinascono, nei luoghi dove erano sparite, melodie ataviche. Crescono tribù di nuovi praticanti e la ricerca ritrova, attraverso le testimonianze delle persone anziane, aneddoti, nomi di vecchi musicisti di paese, musiche, cantilene e filastrocche. Tutto questo ha il grande pregio di ricreare le condizioni per cui i vecchi sono utili, indispensabili alla ricerca di una memoria storica in un nuovo tipo di contatto auspicabile e necessario.

Giovani musicisti si provano in vecchie ballate, dopo un salto di molte generazioni, un buco nero prodotto da molti fattori: il ventennio fascista, l'arrivo della pur grande musica americana, l'industrializzazione e non ultimi i mass media. Un mondo che sembrava perduto, piano piano, umilmente si ricolora e ricompare. Può e deve essere un nuovo modo di capire e riproporre la musica e la danza, un modo alternativo per stare insieme, genuino argine alla dilagante solitudine.

Da questo presupposto il gruppo musicale "BandaBrisca" e l'Associazione Danza e Musica BandaBrisca continuano il lavoro di ricerca e divulgazione. Un lavoro di grande interesse che ha portato la Banda a concludere più di mille concerti in quindici anni di carriera. BandaBrisca si è esibita e ha tenuto corsi di danze nell'Appennino Ligure/Piemontese oltre che in Italia, in Irlanda, Francia, Germania, Scozia, Paesi Baschi, Belgio, Portogallo e Svizzera. Conduce da più di dieci anni una scuola di danze della tradizione a Genova.

Ha organizzato, per sette anni, un festival di musica e danze della tradizione a Silvano d'Orba; partecipa con altre associazioni al coordinamento e all'organizzazione del "Gran Bal Trad" a Vialfrè (TO); organizza da sei anni a Castelletto d'Orba il festival "TERRA e VINO". Ha organizzato convegni con professori dell'Università di Genova, con etnomusicologi di fama internazionale ed è intervenuta all'Università delle Comunicazioni e Spettacolo con lezioni sui cantastorie. In questi anni sono stati presentati due CD in occasione dei dieci e quindici anni di attività.

Domenica 5 agosto 2018

Marmora

Ore 9.30 Camminiamo insieme sul sentiero Dino Andreis … Ricordando Macho. Passeggiata con partenza da PIAN PREIT (Canosio) e arrivo a ISCHIA (Marmora). Proseguimento sempre a piedi per la frazione di Tolosano. Prenotazione 333.6865290, proloco@comune.marmora.cn.it

Piazzetta della Borgata Tolosano

Ore 16

QuBa Libre presenta

L'Indian Joli

L'Indian joli, “l'indiano bello”, è simbolo di resistenza intesa in vari sensi: continuare a vivere in montagna, rimanere attaccati alle proprie radici, portare avanti le proprie idee, scegliere la bellezza. L'indian joli è il titolo del nuovo disco e progetto di Simonetta Baudino e Giuseppe Quattromini che in questa avventura si fanno accompagnare da Simona Colonna al violoncello, Paolo Brizio all’organetto e Simone Lombardo, poli strumentista.

Al termine “Merenda Montanara” per tutti

Durante il pomeriggio è aperta al pubblico la Chiesetta di San Giorgio di Tolosano

*I concerti e gli incontri sono ad ingresso gratuito

UFFICIO TURISTICO VALLE MAIRA

Piazza XX Settembre 3 - 12025 Dronero (CN) - Tel. 0171 917080 Fax 0171 909784

e-mail: info@visitvallemaira.it

Mercoledì 8 agosto 2018 – dalle ore 4.30

Rifugio Quintino Sella

SALITA AL MONVISO

con GHIRONDA

*In collaborazione con le guide del Monviso

📌 Evento NON aperto al pubblico

Lo ricordiamo al fine di evitare chiamte al Rifugio Quintino Sella al Monviso in tal senso. Lo scopo è narrativo e di promozione territoriale
#grazie

Giacomo Bassignano, alpinista & ghirondista, otto volte sul Monviso, membro della Grande Orchestra Occitana. Con lui una Guida del Monviso e una spedizione di “amici” di Occit’amo.

Il Re di pietra, come viene chiamato il Monviso, è una montagna dalle forme uniche. Numerosi itinerari di ogni difficoltà raggiungono questa vetta, simbolo di un territorio, quello di MOVE - TERRE DEL MONVISO - che si riconosce nella comune radice occitana e in un comune sentire. Questa è la vetta che anche il Festival vuole conquistare!

È del settembre scorso, infatti, il record di ascesa di corsa ottenuto da Bernard Dematteis che ha impiegato un’ora, 40 minuti e 47 secondi. Ora è Occit'amo Festival a tentare un record... tempo permettendo, si intende! Un ghirondista, appassionato alpinista e una Guida del Monviso. Un'ascesa con ghironda, una breve tappa sulla più bella vetta delle Alpi Cozie e un concerto che conquisterà il pubblico in quota.

Ma sul Monviso al tempo non si comanda... ancor più che altrove. Quindi il Rifugio Quintino Sella, tappa di partenza di questo tentativo, ospiterà in caso di pioggia un concerto di musica occitana con la ghironda di Giacomo Bassignano.

Informazioni

Info Rifugio Quintino Sella

Lago Grande di VisoCrissolo - 0175 94943

Fondazione Amleto Bertoni

Tel. 0175 43527 Cell. 346 949 9587 - www.fondazionebertoni.it

Val Susa

OLYMPIC MOUNTAINS

Piazzale della cabinovia

Cesana Torinese

Il fuoriporta di Occit’amo festival

TERES AOUTES STRING BAND

La Teres Aoutes String Band nasce da un’idea di Mario Poletti, mandolinista ben noto per la sua intensa attività artistica con i Lou Dalfin, e Fabrizio Carletto, bassista con alle spalle una lunga esperienza non solo in ambito trad ma anche al fianco di artisti come Michele Gazich e Massimo Priviero, i quali hanno unito le forze con Diana Imbrea (violino) e Oreste Garello (chitarra) per dar vita ad un originale progetto musicale volto a rileggere i canti e le danze della tradizione musicale delle Alpi Occidentali, esaltando le potenzialità espressive degli strumenti a corde.

Dopo aver rodato dal vivo il repertorio, il gruppo ha recentemente dato alle stampe il suo album di debutto “Lo rock’n roll de la moutagna” nel quale si coglie non solo tutta l’energia e l’intensità dei loro live act, ma anche la loro capacità di reinterpretare i suoni e le melodie popolari, attraverso una cifra stilistica contemporanea nella quale si intrecciano roots-rock e folk anglosassone. Di tutto questo e molto altro abbiamo discusso con la band, in un racconto a tutto campo di questa avventura.

ingresso gratuito

Indirizzo: Viale 4 Novembre, 35, 10054

Cesana torinese TO

Telefono: 0122 89367

VALLE GRANA

Bernezzo, Caraglio, Castelmagno, Montemale, Monterosso Grana,

Pradleves, San Pietro di Monterosso,

*I concerti e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

Come da tradizione, Occit'Amo lo si conclude alla grande. Tre giorni di festa in Val Grana. Le canzoni di libertà de La Talvera, la musica di Carlot-Ta, quindi la grande festa targata Lou Dalfin, il gruppo “di casa”, la direzione artistica di una rassegna estiva che per sei settimane ha contaminato e percorso le vallate e la pianura MOVE, raccontando a migliaia di persone e turisti una terra, facendola guardare, sentire e gustare.

Sabato 11 agosto 2018

Castelmagno Fraz. Campomolino

Ore 11.00 - Laboratorio “5 cerchi, tante note” MUSICA E CULTURA DEI 5 CONTINENTI

Suoni, ritmi e danze dai cinque continenti per conoscere e sperimentare le usanze di altri popoli. Il laboratorio punta sul valore educativo dello spirito olimpico e sul rispetto universale dei principi etici fondamentali. Attività a cura degli operatori musicali de LA FABBRICA DEI SUONI

Monterosso Grana

Dalle ore 14.30 – PedalandOccit’amo

Pedalata per famiglie apprezzando piccoli corsi d'acqua, campi coltivati, boschi e la millenaria Santa Maria della valle... in compagnia di un Accompagnatore Cicloturistico di EmotionAlp.

Al rientro merenda per tutti!

domenica 12 agosto 2018

Bernezzo

Dalle ore 9.00 - Scoperte, gusti e musica

Con gli Amici dei Sentieri Bernezzesi, la Pro Loco di Bernezzo e gli accompagnatori di EmotionAlp, vari appuntamenti, durante tutta la giornata, tra escursioni e visite per scoprire la natura, le tradizioni, la storia ed i sapori di Bernezzo. Ci metteremo anche nei panni degli speleologi, alla scoperta delle grotte nelle quali sono stati ritrovati i resti dell’Orso Bruno, vissuto tra il 43.910 e il 41.599 a.C. Per concludere in bellezza, aperitivo nell’antico Mulino e cena a base di prodotti tipici in attesa del concerto OCCIT’AMO

Ore 21.00

LA TALVERA - Francia

La Talvera è il bordo del campo, quello che non si ara, dove le erbe folli e cattive prolificano e si mescolano. È in questo spazio di libertà che nascono le canzoni di Daniel Loddo, canzoni che risvegliano e scuotono, fanno sorridere e pesino divertire, fanno insorgere se necessario.

Lei, La Talvera, evolve nell’incrocio delle culture, degli stili musicali, dei linguaggi.

La ritroviamo lungo i sentieri e il filo degli anni in compagnia di Massilia Sound System e Moussu T, di musicisti bretoni e del brasiliano Silvério Pessoa. Per La Talvera la musica tradizionale, lontano dall’essere immutabile e fissata, è il luogo di tutte le possibilità, di tutte le battaglie e di tutte le rivolte. Perché la canzone del popolo ha lo stesso significato, ovunque.

Fin dall’inizio il gruppo esplora a fondo il repertorio tradizionale occitano, aprendosi alla creazione di un repertorio musicale e poetico ancorato nel presente. Occitana, ma sempre con un’apertura sul mondo, la musica de La Talvera affonda le sue radici nella tradizione, ma crea dei legami con la contemporaneità costruendo dei ponti, da una generazione all’altra, da un continente all’altro, da un tempo all’altro. Oggi La Talvera è sì un gruppo di musica occitana, ma non facilmente classificabile: né raggamuffin né world music, non solo tradizionale, certamente arricchito da infiniti incontri e viaggi.

Lunedi’ 13 agosto

Pradleves dalle ore 15.00 – Bimbilab

Gli accompagnatori di EmotionAlp organizzano un pomeriggio dedicato ai più piccoli con attività e giochi per bambini, a seguire merenda offerta.

San Pietro di Monterosso dalle ore 19.00 – Stelle e Sapori d’Occitania

Per chi lo desidera apericena a base di prodotti tipici. Subito dopo EmotionAlp propone un’escursione notturna sul Monte Ribé per apprezzare la volta celeste ed esprimere qualche desiderio sotto le stelle cadenti.

Martedì 14 agosto 2018 - Caraglio, Filatoio

Dalle ore 9.00 – Caccia alla Grana!

Grande caccia al tesoro per adulti, con partenza dal Filatoio di Caraglio alla scoperta della valle Grana. Degustazioni, leggende, arte e mestieri, tra prove pratiche e indovinelli. Al ritorno premiazione e aperitivo. Durante la giornata, al Filatoio, esposizione, vendita e degustazione dei prodotti tipici delle valli occitane.

Ore 18.00

Murmure di e con Carlot-Ta

Carlot-Ta, al secolo Carlotta Sillano, nasce a Vercelli nel 1990. Suona il pianoforte, la chitarra e scrive canzoni. La sua musica, costruita attorno a un pianismo classicheggiante ma energico, può essere descritta come sintesi di un songwriting complesso, formale e un puro spirito pop. Ha all’attivo tre album di canzoni.

Il suo disco d’esordio, Make me a picture of the sun, (Anna the Granny/Audioglobe, 2011) è stato insignito del Premio Ciampi – città di Livorno come miglior debutto discografico del 2011 e della Targa M.E.I. Supersounds per il miglior disco dell’anno. Il disco è segnalato per lo stesso motivo tra i cinque candidati alla Targa Tenco, di cui Carlot-Ta è stata ospite nel 2010.

Nel 2014 esce Songs of Mountain Stream (Brumaio Sounds/Audioglobe, 2014). L’album, prodotto da Rob Ellis (PJ Harvey, Anna Calvi, Marianne Faithfull, Ute Lemper, Placebo…), è un disco dedicato alla montagna, in cui il paesaggio sonoro alpino, trasformato in elettronica minimale, risuona insieme alle voci, ai pianoforti, agli organi, agli archi e ai fiati. Nello stesso anno Carlot-Ta riceve il Premio SIAE alla Creatività durante il Festival dei Due Mondi di Spoleto.

Nel 2016 dà vita, insieme alla cantautrice e arpista torinese Cecilia, al progetto live Doppelgänger con cui intraprende un tour di più di quaranta date in tutta Italia.

L’uscita del terzo album è prevista per il marzo 2018. Murmure (Incipit Records/Egea, 2018) è un album per organo a canne, voce, percussioni ed elettronica. Prodotto da Paul Evans (Greenhouse Studio, Bedroom Community) e registrato tra Italia, Svezia e Danimarca, è un canzoniere cupo e barocco che esplora le potenzialità dei registri d’organo e in cui si alternano composizioni solenni e impetuose, ballate romantiche, valse musette, danze macabre, motivetti synth-pop. Il disco è finanziato da SIAE e dal Ministero per i Beni Culturali.

Dal 2010 Carlot-ta ha avuto modo di esibirsi in più di trecento club, piazze, teatri, festival in Italia e in Europa (Auditorium Parco della Musica, Premio Tenco, Premio Ciampi, MiTo Settembre Musica, Torino Jazz Festival, Veneto Jazz, Jazz:re:found, M.E.I, Festival dei Due Mondi, Salone del Libro di Torino, Liverpool Sound City, Paratissima Skopje) condividendo il palco con artisti di fama nazionale e internazionale.

Mercoledì 15 agosto 2018

Castelmagno

Dalle ore 9.30 – Ferragosto Occitano

Possibilità di scelta tra due escursioni di diverso livello di difficoltà, con gli accompagnatori di EmotionAlp. Due suggestive passeggiate alla scoperta di cultura, borgate, alpeggi, natura, saperi e sapori del territorio che ha dato i natali al Re dei Formaggi, il Castelmagno. Entrambe le escursioni terminano al Santuario di San Magno, per pranzo al sacco.

ore 16.00 – San Magno

Lou Dalfin

Come gli antichi “trovatori” erano soliti esibirsi facendo da ambasciatori delle prime culture europee, così i Lou Dalfin di Sergio Berardo cantano nella tradizionale lingua “d’Oc” e portano la cultura occitana in giro per il mondo.

Nata nel 1982, la band è più di una band: è un fenomeno di costume che ha reso contemporanea la musica occitana, merito di una contaminazione irresistibile di tradizione delle Valli Occitane, rock, jazz e reggae. Così i Lou Dalfin hanno conquistato i festival, le piazze rock e folk di tutta Europa, i principali club italiani.

La band di Berardo ha raggiunto e superato il traguardo dei trent’anni di carriera, con oltre 1.300 concerti e 12 album.

L’ultimo, Musica endemica, è uscito nel 2016: un nuovo disco di inediti, frutto di anni di lavoro e con produzione artistica di Madaski (uno dei fondatori degli Africa Unite). Ma è sotto il palco che la musica dei Lou Dalfin diventa irresistibile, tra la gente che balla sulle sferzate di ghironda, il ritmo della batteria e le note che arrivano da fisarmonica e chitarra. Sul palco: Sergio Berardo, Riccardo Serra, Dino Tron, Enrico Gosmar, Carlo Revello, Mario Poletti, Chiara Cesano.

ore 21

Montemale

I giovani suonatori della Valle Grana

Maggiori dettagli sui siti www.vallegrana.it e www.emotionalp.com

Prenotazione obbligatoria, fino ad esaurimento posti, entro l’11/08/18: info.emotionalp@gmail.com oppure 334/1316196

UFFICIO TURISTICO I.A.T. VALLI GRANA E MAIRA di DRONERO

Tel. 0171 917080

*I concerti e gli incontri con l'autore sono ad ingresso gratuito

giovedì 30 agosto 2018 – ore 18.00

Saluzzo – Antico Palazzo Comunale, Salita al Castello

Evento letterario collaterale con LUCA IACCARINO

In collaborazione con il Festival Borgate dal Vivo

Gli eventi del 2018

Locandine
Occit'amo
2018

Contatti

www.occitamofestival.it

Facebook @occitamo

Instagram: @occitamofestival

Ufficio stampa

laWhite – ufficio stampa e dintorni 

– T +39 011 2764708 

info@lawhite.it

Silvia Bianco / M + 39 333 8098719 / silvia@lawhite.it

Clio Amerio / M +39 349 1614867 / clio@lawhite.it

Miriam Barone / M + 39 339 7004020 / miriam@lawhite.it

Simona Savoldi / M +39 339 6598721 / simona@lawhite.it